Da Vittorio Anniversario 50 Anni

6 aprile 1966 - 6 aprile 2016

I primi cinquanta anni del Ristorante Da Vittorio.
Mezzo secolo di storia raccontata dalla signora Bruna Cerea. Non solo aneddoti, ma anche un percorso gustativo attraverso i piatti che hanno reso celebre il ristorante.


 

 

6 aprile 1966, un giorno speciale.
Brusaporto, 6 aprile 2016 – Oggi, cinquanta anni fa, apriva, a Bergamo, il ristorante Ristorante Da Vittorio. Un traguardo importante per la famiglia Cerea. Una storia di coraggio e di passione che nasce da un uomo di visone, Vittorio Cerea, che ha saputo “guardare oltre”, tracciando nuovi orizzonti nella ristorazione, innovando con discrezione, creando uno stile senza tempo, sempre aggiornato, di là dalle mode passeggere, portato avanti con coerenza dai figli. Una storia di duro lavoro e di impegno costante, ma anche di grande gioia e allegria. Una saga familiare di successo, emblema di un made in Italy innovativo di qualità. Un esempio virtuoso nella ristorazione e non solo. Dai più conosciuto come ristorante tristellato, Da Vittorio è un sistema di offerta food e di accoglienza ampio e articolato, che spazia dal Relais & Château, ai servizi esterni, ai grandi eventi, al bistrot di Orio, alla pasticceria Cavour di Bergamo alta, alla ristorazione collettiva. Una famiglia grande, ventisette anime, e unita. Chicco e Bobo ai fornelli, Rossella in sala e all’accoglienza, Francesco agli eventi esterni, Barbara alla Pasticceria Cavour di Bergamo alta, mamma Bruna al “controllo di gestione”, anche degli equilibri familiari, mogli, mariti e nipoti che aiutano in cucina, in sala e in pasticceria. Da Vittorio è un’azienda sana, con una reputazione di altissimo livello, con alti valori etici, che nascono da un racconto d’amore.

50 anni di storia, 50 anni di passione
Bruna e Vittorio Cerea

50 anni di storia, 50 anni di passione
Interno del ristorante in Bergamo

50 anni di storia, 50 anni di passione
Ingresso del ristorante in Bergamo

 

 

50 anni di storia, 50 anni di passione

La timeline di un racconto, di un’esperienza, di una famiglia.

timeline

 

Il racconto della signora Bruna
È emozionata la signora Cerea pensando ai 50 anni trascorsi. Bruna racconta: “Con Vittorio decidemmo di aprire un ristorante tutto nostro. Io ero spaventata e anche lui, nonostante il suo grande coraggio, aveva un po’ di paura”. OraVittorio non c’è più, ma Bruna lo fa rivivere in ogni sua parola, “perché lui era speciale. Metteva la vita nel lavoro”.

La storia d’amore tra i due ebbe inizio da una tazza di cioccolata al Bar Orobica di Bergamo. La signora Cerea, dopo il cinema, andava sempre nel locale del futuro marito. Confessa: “Vidi Vittorio e me ne innamorai subito. Sono stata io a conquistarlo, con l’aiuto di sua madre”. Due anni dopo quell’incontro, Bruna era all’altare e indossava la fede al dito. Passò un po’ di tempo e i due decisero di aprire il loro ristorante su viale Roma (ora viale Papa Giovanni XXIII), nel cuore di Bergamo. Lei faceva le torte e i cannoncini, lui stava in cucina. La grande innovazione che Vittorio portò a Bergamo fu il “pesce”, un ingrediente ai tempi sconosciuto.

Nel frattempo i figli crescevano e si dividevano tra studio e servizio al ristorante. Spiega la signora Cerea: “Arrivavano a casa da scuola, buttavano la cartella in un angolo e andavano in cucina o in sala”. Diventando grandi, arrivarono per loro le prime esperienze all’estero: Chicco girò molto, Francesco un po’ meno, Bobo andò per un periodo in Francia. Intanto crescevano anche le due piccole di casa: Barbara, che oggi si occupa del caffè Cavour, e Rossella che voleva fare il medico, dato che curava la nonna.

Dopo tanti anni di attività a Bergamo, la famiglia Cerea si spostò a Brusaporto. Poche settimane dopo il trasferimento, Vittorio venne a mancare. Bruna si emoziona: “Sono contenta che sia riuscito a vedere il nuovo ristorante. Ho amato così tanto mio marito, è così forte il sentimento che lo sento sempre accanto a me”. Ora al fianco dei figli ci sono anche i nipoti. Precisa però la signora Cerea: “Preferirei che prendessero la loro strada. L’aiuto il sabato sera mi fa piacere, ma è giusto che facciano quello che amano”.

 

L’evoluzione dei piatti del Ristorante Da Vittorio
“I piatti di mio marito erano belli, quelli dei miei figli sono più studiati”. Non ha dubbi la signora Bruna Cerea. Da una parte l’attuazione della tradizione gastronomica italiana, dall’altra l’evoluzione della modernità portata a tavola dagli eredi. Un mix che non si può scindere, che ora è diventata l’arma vincente della cucina del ristorante da Vittorio.

 

Il piatto celebrativo per i cinquanta anni, dedicato a Vittorio
Le fragoline di mare al verde di Vittorio
Le fragoline di mare al verde di VittorioLe fragoline di mare sono dei piccoli moscardini disponibili solo due volte l’anno. Questo è un piatto che unisce la tradizione veneta e quella bergamasca. Grazie alle zie veneziane, Vittorio sviluppò una forte passione per il pesce. Nei suoi viaggi in Laguna imparò ad apprezzare l’abbinamento dei moscardini con la polenta. La scelta di questa materia prima denota il carattere ricercato e prezioso della ricetta. È il piatto del cuore della signora Bruna e dei figli, quello che riporta alla memoria sapori e sensazioni degli esordi, quando la polenta era cotta sul camino e sprigionava quel profumo croccante e ambrato indimenticabile.

 

La Torta del 50o: Gioconda
GiocondaI figli di casa Cerea hanno deciso di dedicare questo dolce alla madre. Tutti la conoscono come Bruna, ma il suo nome di battesimo è Gioconda. Chicco, Francesco, Barbara, Bobo e Rossella hanno deciso di chiamare questa torta come la loro mamma perché lei in casa e al vecchio ristorante è sempre stata addetta ai dessert. Si metteva in un angolo della cucina e faceva i cannoncini a mano, che cuoceva tre volte al giorno. La Torta Gioconda è un lievitato a base di lievito naturale con cioccolato fondente, gianduia, pasta di nocciole pralinate e scorzone di arancia candita.

Acquista on-line


 

Fifty: il cocktail del 50o
Mela verde, cardamomo, cannella, lime, agave e rum. Questi gli ingredienti che compongono lo speciale cocktail creato da Alessandro Zana, barman Da Vittorio, per celebrare i 50 anni del ristorante. Un gusto ricercato ed accogliente capace di trasmettere tutta la passione e l’estro della Famiglia Cerea.

Fifty: il cocktail del 50

Cookie - Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web. Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni